Suore Passioniste
Menu
Con Maria credo nel Figlio di Dio

Con Maria credo nel Figlio di Dio

Il giorno 6 agosto 2...

Festa di Maria Addolorata

Festa di Maria Addolorata

La festa di Maria Ad...

ESALTAZIONE DELLA SANTA CROCE

ESALTAZIONE DELLA SANTA CROCE

L'albero della Croce...

Scuola Beata Giovanna

Scuola Beata Giovanna

La comunità educativ...

Atto riparativo

Atto riparativo

Amare i nemici Nel ...

Messaggio di solidarietà alle Suore Missionarie Saveriane

Messaggio di solidarietà alle Suore…

Pubblichiamo il mess...

Cisternino @ 100 anni…

Cisternino @ 100 anni…

Cisternino, 100 anni...

Novena di Maria Addolorata

Novena di Maria Addolorata

A te, piccola e umil...

Formazione delle Superiore a Casa Madre

Formazione delle Superiore a Casa M…

La formazione delle ...

Novena di Maria Addolorata

Novena di Maria Addolorata

Maria, Madre di Cris...

Prev Next
A+ A A-

Provincia Vergine Addolorata

Atto riparativo

ATTO RIPARATIVO 31-07-2020

Il vostro amore sia sincero! Fuggite il male, seguite con fermezza il bene. Amatevi gli uni gli altri, come fratelli. Gareggiate nello stimarvi gli uni gli altri. Siate impegnati nel fare del bene, non pigri (cf. Rm 12, 9-16)

Quando chi entra in comunità, trova calore e amore, inizia a togliersi la maschera, a lasciar cadere le sue barriere e a diventare più vulnerabile. Vive un tempo di comunione e di gioia profonda. Ma togliendosi la maschera e diventando vulnerabile, scopre anche che la comunità è un luogo terribile perché è un luogo di relazioni: rivela la nostra affettività ferita e quanto può essere difficile vivere con altri. Ma la ferita che tutti portiamo in noi e che cerchiamo di non vedere e di fuggire, può diventare il luogo dell’incontro con Dio e con i nostri fratelli e sorelle; può diventare il luogo in cui impariamo ad amare, ad avere compassione degli altri (Jean Vanier, La comunità: luogo del perdono e della festa, Jaca Book, Milano 2000, pp. 44-45.47).

Vogliamo riparare:
• la pretesa di avere tutto e subito
• l’essere disponibile solo quando ci conviene
• l’eccessiva attenzione per i nostri bisogni e spazi personali
• gli inganni, le menzogne che diciamo per preservare la nostra “libertà”
• la nostra incapacità di lavorare insieme, di cercare un punto di convergenza
• la costante critica dei limiti degli altri
• l’eccessiva attenzione sull’aspetto superficiale delle nostre consorelle.

Impegno di Vita:
Prendiamo il tempo necessario per stare di fronte a Cristo Crocifisso chiedendogli di aiutarci a fare verità su noi stessi, di avere la forza e il coraggio di fare il contrario di quello che sentiamo; dove non vogliamo aiutare di metterci in gioco proprio lì; di essere coerenti e sincere.

Preghiamo:
Signore, facci capire che i nostri gesti quotidiani assumono un valore immenso, incalcolabile, dalla coscienza della nostra missione, dell’essere noi chiamati, amati da Dio, generati da lui nella fede perché, attraverso i nostri piccoli gesti, noi riempiamo il mondo di fede, di speranza, di carità, di giustizia, di amore. Donaci, Signore, di riscattare tutti i nostri gesti che ci annoiano e ci pesano, con questa grande coscienza che è la tua e nella quale tu ci inserisci per la tua grazia e per il tuo dono. Amen (C.M. Martini)

Leggi tutto...

Atto riparativo

L’Osservatorio sulla Cristianofobia denuncia che i cristiani continuano ad essere perseguitati. Una persecuzione che non dà segno di fine, anzi si accentua giorno dopo giorno in tutto il mondo.

Vogliamo riparare:
- La non-libertà di culto dei cristiani nelle Chiese del “silenzio”
- La persecuzione di tanti cristiani uccisi perché si sono rifiutati di convertirsi a riti pagani
- I massacri di massa di tanti cristiani da parte di gruppi religiosi estremisti o fondamentalisti.

Impegno di vita:
Ci impegniamo a pregare per i cristiani vittime dell’odio e della persecuzione e per i loro persecutori.

Preghiamo:
Signore, dona la tua forza ai cristiani che subiscono persecuzioni per il tuo nome, conserva ferma la loro fede e tocca il cuore di chi, nel tuo nome, distrugge e uccide. Amen.

Leggi tutto...

Atto riparativo

Ognuna di noi, solo attraverso il discernimento spirituale, in dialogo con il Signore e in ascolto della voce dello Spirito, può seguire la propria vocazione, a partire dalla scelta dello stato di vita. Allora ci interroghiamo: “come accorgersi e come accogliere il dono che il Signore ci sta offrendo? Perché il rischio più grande è proprio quella distrazione che ti impedisce di renderti conto, di accorgerti del Suo passaggio, della Sua iniziativa, della Sua proposta. Fa immensa tristezza incontrare giovani senza vocazione, ma anche senza futuro, o con un futuro che, tutt'al più, sarà una fotocopia del presente”.

Unite a Gesù Crocifisso che attira tutti a sé vogliamo riparare:
• La paura dei giovani a lasciare casa, genitori, amici... per seguirlo; gli scandali e le contro testimonianze dei consacrati che impediscono i giovani di dire Sì alla chiamata; i consacrati che abbandonano la vita consacrata per vari motivi.

Impegno di vita:
Con Maria donna del Sì, intensificheremo la nostra preghiera per tutti i consacrati e per le nuove vocazioni.

Preghiamo:
A te Signore guardino con fiducia i giovani, rendili capaci di accogliere l’invito del figlio tuo a fare della vita un dono totale. Fa’ loro comprendere che servire Dio appaga il cuore, e che solo nel servizio di Dio e del suo Regno ci si realizza secondo il progetto divino e la vita diventa inno di gloria. Amen

 

 
Leggi tutto...

Atto riparativo

L’azione dell’Educatore trova compimento attraverso una crescita progressiva, resa propizia da “gesti di attenzione e di Amore” (… li educò, ne ebbe cura, li custodì…); Richiede partecipazione ed esige una fiducia assoluta e incondizionata.

Su questo sfondo surreale e preoccupante, che ha visto la vita scolastica interrotta bruscamente, ma che tuttavia, anche se non in presenza attiva, continua il suo percorso con insegnanti impegnati e presenti nella vita degli alunni e delle loro famiglie. Possa questa esperienza trasformarsi in occasione di riflessione in cui pensare, immaginare, costruire e condividere, siano il motore per un futuro nuovo ricco di nuove relazioni

Vogliamo riparare
- La mancata presa di posizione del governo che crea una forte preoccupazione per il futuro delle scuole ed di intere famiglie, a fronte di una situazione economica che ne sta ponendo a rischio la stessa sopravvivenza.
- Il disagio di tanti bambini e giovani che hanno dovuto affrontare la solitudine, la paura di questi giorni da soli, senza poterla condividere con gli amici.

Impegno di vita
- Con la nostra preghiera uniamo le forze per non far venir meno un’esperienza che trova compimento in un rapporto di ascolto e fiducia tra insegnanti, alunni e famiglia.
- Per un ritorno a scuola e alla vita sociale dei nostri bambini, pensiamo ad un “patto educativo territoriale” in cui scuola, famiglie, enti locali, società civile, costruiscano un continuum coordinato di esperienze e pratiche da offrire ai bambini per ri-tornare alla vita.

Preghiera
Dio, sorgente di vita e di grazia, dona a tutti gli operatori coinvolti nel mondo delle scuole di collaborare al compimento del tuo disegno d’amore sui bambini e sui giovani, perché si formino alla scuola di Cristo, tuo Figlio, che è modello Perfetto dell’uomo, e vive e regna con te, nell’unità dello Spirito Santo, per tutti i secoli dei secoli Amen.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS
Congregazione Passioniste Display Social Media Icons beautifully using CSS3
Congregazione Suore Passioniste
di San Paolo della Croce

Curia Generalizia
Via Don Carlo Gnocchi, 75
00166 ROMA

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Per saperne di più.

Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.