Suore Passioniste
Menu
Con Maria credo nel Figlio di Dio

Con Maria credo nel Figlio di Dio

Il giorno 6 agosto 2...

Festa di Maria Addolorata

Festa di Maria Addolorata

La festa di Maria Ad...

ESALTAZIONE DELLA SANTA CROCE

ESALTAZIONE DELLA SANTA CROCE

L'albero della Croce...

Scuola Beata Giovanna

Scuola Beata Giovanna

La comunità educativ...

Atto riparativo

Atto riparativo

Amare i nemici Nel ...

Messaggio di solidarietà alle Suore Missionarie Saveriane

Messaggio di solidarietà alle Suore…

Pubblichiamo il mess...

Cisternino @ 100 anni…

Cisternino @ 100 anni…

Cisternino, 100 anni...

Novena di Maria Addolorata

Novena di Maria Addolorata

A te, piccola e umil...

Formazione delle Superiore a Casa Madre

Formazione delle Superiore a Casa M…

La formazione delle ...

Novena di Maria Addolorata

Novena di Maria Addolorata

Maria, Madre di Cris...

Prev Next
A+ A A-

Provincia Maria Regina della Pace

Atto riparativo

Vocazione alla vita familiare 

Non è possibile una famiglia senza sogno. Quando in una famiglia si perde la capacità di sognare, i bambini non crescono, l’amore non cresce, la vita si affievolisce e si spegne. La Chiesa è sempre attenta all'importanza della famiglia attraverso l’impegno, la fedeltà, la pazienza, la misericordia e la vicinanza alla vita familiare. L'uomo e la donna sono chiamati a vivere la comunione dell'amore come l'immagine di Dio-Trinità impressa nell'essere umano sin dalla sua creazione, perché ad immagine e somiglianza di Dio sono stati creati. Il matrimonio, sin dalla creazione dell'uomo e della donna, è un progetto divino, l'opera preferita in questo progetto d'amore; è costitutivamente legato all'essenza dell'uomo e della donna, al bene personale e alla comunità. 

I genitori devono assumere un impegno reciproco e complementare in una pedagogia che combini la fermezza e la disciplina dell'uomo con la tenerezza e la gentilezza della donna.

Vogliamo riparare 
La mancanza di impegno di tante coppie che non danno importanza alla loro vocazione e alla responsabilità di formare una famiglia.

Impegno di vita
Vogliamo essere sostegno, soprattutto con la preghiera e l'ascolto, della famiglia in generale e, in particolare, di quelle famiglie più ferite e bisognose di misericordia.

Preghiera 
Gesù, Maria e Giuseppe, in voi contempliamo lo splendore dell’amore vero, a voi con fiducia ci rivolgiamo. Santa Famiglia di Nazareth, rendi anche le nostre famiglie luoghi di comunione e cenacoli di preghiera, autentiche scuole del Vangelo e piccole Chiese domestiche. Santa Famiglia di Nazareth, mai più nelle famiglie si faccia esperienza di violenza, chiusura e divisione: chiunque è stato ferito o scandalizzato, conosca presto consolazione e guarigione. Gesù, Maria e Giuseppe, ascoltate, esaudite la nostra supplica. Amen. (Papa Francesco)

Leggi tutto...

Atto riparativo

Accompagnamento dei giovani nell'esperienza vocazionale

Il Cristo risorto vuole percorrere il cammino con ogni giovane, accogliendo le proprie aspettative, anche se frustrate, e le loro speranze, anche se inadeguate. Gesù cammina, ascolta, condivide.

 Vogliamo riparare

  • Nella nostra missione di guida e di formazione delle giovani la mancanza di dialogo, di ascolto che ci richiede umiltà, pazienza, disponibilità per comprendere.
  • Nelle nostre case di formazione quando non attribuiamo il giusto valore all’esperienza che la giovane porta con sé, sottovalutandone l’importanza, bloccando la crescita della persona, col rischio di indurre più ad atteggiamenti formali che alla crescita dei doni di Dio e alla profonda conversione del cuore.
  •  I vari tipi di abuso commessi da alcuni vescovi, sacerdoti, religiosi e laici, provocando nelle loro vittime, tra cui molti giovani, sofferenze che durano una vita e che nessun pentimento è capace di rimediare.

Impegno

  • Papa Francesco ci ha detto che “il primo metodo per ottenere vocazioni è la preghiera”. È necessario pregare; la vocazione è la risposta di Dio ad una comunità che prega.
  • È importante creare la cultura del parlare bene dei sacerdoti e delle persone consacrate. Sono scelti e chiamati da Dio.
  • Non avere paura di invitare bambini, adolescenti e giovani ad offrire la loro vita a Dio.

Preghiamo
Dio rispetta la nostra resistenza e la nostra difficoltà ad entrare nei suoi piani, a comprendere i suoi segni; accetta le nostre domande, non disprezza le nostre paure, il nostro senso di piccolezza, il non avere abbastanza mezzi e qualità per affrontare il suo grande progetto. Ma ci aiuta anche a capire come superare tutto; ci offre, i segni, affinché la nostra adesione possa trovare appoggio; aspetta la nostra generosa risposta, come Maria, senza riserve, con totale fiducia e gioia perché possiamo svolgere la nostra missione nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen.

Leggi tutto...

Atto riparativo

Accompagnare le giovani e i giovani

Nell'episodio dei discepoli di Emmaus, possiamo vedere che la pedagogia usata da Gesù è quella dell'ascolto. Si avvicina ai discepoli, valutando ciò che hanno nel loro cuore e accogliendo l'angoscia che hanno condiviso l'uno con l'altro. Nella nostra vita quotidiana spesso non accogliamo i giovani nelle loro realtà e particolarità; tante volte nell’accompagnamento, le nostre aspettative superano il nostro impegno di accoglienza e perdiamo di vista la loro esperienza di Gesù.

Illuminazione
Mentre discorrevano e discutevano insieme, Gesù in persona, si accostò e camminava con loro. Ma i loro occhi erano incapaci di riconoscerlo. Ed egli disse loro: "Che sono questi discorsi che state facendo fra voi durante il cammino?" Si fermarono con il volto triste” (Cf Lc, 24,15 -17)

 Vogliamo riparare

  • La tendenza ad allontanarci dalla realtà dei giovani, motivo che spesso non ci aiuta ad avvicinarli a Gesù.
  • La mancanza di sensibilità, di incanto e di incontro con i giovani per cercare di accompagnarli nelle diverse vocazioni della Chiesa.

Impegno di vita
Vogliamo ascoltare e amare i giovani vedendo in loro il volto di Dio e condividere la vita e la ricerca della risurrezione nelle diverse croci che devono affrontare.

Preghiamo 
Signore, aiutaci ad abbracciare coraggiosamente la missione di accompagnare i giovani più da vicino, convertendo le nostre azioni in pratiche profetiche nella vita di ciascuno.

Leggi tutto...

Atto riparativo

“Se qualcuno ti chiama di nuovo di’: parla Signore, che il tuo servo ascolta”. (1Sm 3,9)

La vita della gioventù è segnata da tante ferite causate dalle sconfitte della storia personale, dai desideri frustrati, dall’esperienza sfrenata della sessualità; da un’immediatezza esacerbata che conduce ad un vuoto esistenziale profondo, che si traduce in assenza di significato. Si tratta di cause che spingono a trascurare i sogni e le opzioni che i giovani sono chiamati a realizzare, compresa l’opzione vocazionale. Papa Francesco afferma che siamo chiamati ad accendere stelle nelle notti oscure della gioventù, per essere luci nella loro vita, per aiutarli nel loro processo di discernimento vocazionale.

Vogliamo riparare
La mancanza della priorità di tempo per ascoltare, accompagnare i giovani e proporre loro un progetto di vita, per aiutarli nel discernimento vocazionale.

Impegno di vita
In questa settimana mi impegno ad essere disponibile per ascoltare i giovani nella loro realtà di sofferenza, per superare la timidezza di parlare e proporre la vita religiosa come un modo di essere nel mondo.

Preghiamo:
Dio, Padre Misericordioso, ti affidiamo i giovani nei loro complessi percorsi di dolore, gioia e speranza; dona loro la grazia del discernimento vocazionale. Insegnaci ad ascoltarli, ad accompagnarli e ad amarli. Amen.

 

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS
Congregazione Passioniste Display Social Media Icons beautifully using CSS3
Congregazione Suore Passioniste
di San Paolo della Croce

Curia Generalizia
Via Don Carlo Gnocchi, 75
00166 ROMA

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Per saperne di più.

Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.