Suore Passioniste
Menu
Con Maria credo nel Figlio di Dio

Con Maria credo nel Figlio di Dio

Il giorno 6 agosto 2...

Festa di Maria Addolorata

Festa di Maria Addolorata

La festa di Maria Ad...

ESALTAZIONE DELLA SANTA CROCE

ESALTAZIONE DELLA SANTA CROCE

L'albero della Croce...

Scuola Beata Giovanna

Scuola Beata Giovanna

La comunità educativ...

Atto riparativo

Atto riparativo

Amare i nemici Nel ...

Messaggio di solidarietà alle Suore Missionarie Saveriane

Messaggio di solidarietà alle Suore…

Pubblichiamo il mess...

Cisternino @ 100 anni…

Cisternino @ 100 anni…

Cisternino, 100 anni...

Novena di Maria Addolorata

Novena di Maria Addolorata

A te, piccola e umil...

Formazione delle Superiore a Casa Madre

Formazione delle Superiore a Casa M…

La formazione delle ...

Novena di Maria Addolorata

Novena di Maria Addolorata

Maria, Madre di Cris...

Prev Next
A+ A A-

Blog&News Passioniste

Madre Marie Marthe Vandeputte

Il 17 settembre ricordiamo il ritorno alla Casa del Padre di Madre Marie Marthe Vandeputte, belga, fondatrice delle Suore Missionarie della S. Croce, unitesi il 28 settembre 1968 alla Congregazione delle Suore Passioniste di S. Paolo della Croce.

Nasce il 29 settembre 1891 da una famiglia di profondi principi umani e amica dei Passionisti, ma lontano dalla pratica religiosa. Questo fece soffrire Marta, che al contrario aveva una profonda sensibilità spirituale. Tuttavia ebbe il conforto di sapere che in punto di morte il padre spirò tenendo il Crocifisso fra le mani e ripetendo a fatica: Gesù misericordia. Vi amo.

Fin da bambina Marta sente la chiamata di Dio, ma questa si fece chiara quando si pose sotto la direzione spirituale del Passionista P. Valentino, che la orientò con saggezza a leggere la volontà di Dio sulla sua vita.

 Dopo aver emesso i voti di povertàcastitàobbedienza e il voto di promuovere la memoria della passione di Gesù,  nel 1932 diede inizio alle Missionarie della Santa Croce con un carisma tipicamente missionario e legato alla spiritualità passionista. Nel 1934 le prime missionarie partono per il Congo, dove danno vita ad una missione che, a fianco dei Padri Passionisti, si pone a servizio delle popolazioni più povere e bisognose delle regioni più interne e periferiche del Paese.

La piccola Congregazione attraversa una splendida stagione missionaria, ma poi conosce il declino della mancanza di vocazioni. Accogliendo l’invito del Concilio Vaticano II che invita le Congregazioni con la stessa spiritualità ad unirsi, Madre Marta si mette in ascolto della Provvidenza, che la porta ad incontrare le Suore Passioniste di San Paolo della Croce, nella persona di Madre Tomazina Costa Bontorin, superiora generale del tempo. Madre Marta la incontra e fa in tempo a gettare la basi per la futura fondazione; lei muore il 17 settembre 1967 e la fusione avviene il 28 settembre 1968.

Le Suore Missionarie portano in dono la fondazione in Congo, che diventerà presto una delle realtà più fiorenti della Congregazione e un grande slancio missionario; esse ricevono in dono la certezza che la loro missione continua e si ramifica in altri Paesi africani e nel mondo.

Oggi ringraziamo il Signore per la santità di Mare Marta, Serva di Dio, e lo ringraziamo anche per la forma che ora ha la piccola fondazione, arricchita dalla presenza delle Sorelle polacche e francesi. Lo ringraziamo per la vitalità e il dono delle Sorelle d’Africa e per il bene compiuto in altre zone della Congregazione che hanno beneficato della presenza delle figlie di Madre Marta.

A lei ci affidiamo ancora, perché sappiamo essere strumenti di misericordia e ardenti missionarie del Crocifisso  Signore. 

 

Leggi tutto...

Celebrazione a Casa Madre

15 settembre: Celebrazione a Casa Madre per onorare la patrona della Provincia e affidarle il servizio di Sr Teresia e del Consiglio. Con loro anche tutte le superiore, in particolare Madre Maria Dalessandro e il Consiglio generale. Era presente anche la CLP di Signa al completo... Ha celebrato P. Domenico Avogadro, provinciale dei Padri Sacramentini. Maria Addolorata, regina della Nostra Congregazione, prega per noi!

Leggi tutto...

Novena a MARIA SS.ma ADDOLORATA - 9° giorno

9° GIORNO: Maria SS.ma Addolorata, donna del dolore e della speranza.

Riflessione

“E lo deposero in un sepolcro nuovo”.

Eccoci giunti al culmine del dolore della Madre: la deposizione del suo adorato Figlio nel sepolcro. E Gesù è di nuovo tutto nelle sue braccia, come lo era stato nella stalla di Betlemme, durante la fuga in Egitto, a Nazareth. Ora ella deve consegnarlo alle gelide pietre del sepolcro. Ora c’è solo da aspettare l’alba di un nuovo giorno: il giorno del suo e nostro Signore. E saremo di nuovo nella luce.

Preghiamo (a cori alterni)

  • Ciò che il cuore racchiude, l’amore lo difende e il silenzio lo adora. Anche se la pietra è stata rotolata sulla tomba di Gesù, per te, o Madre, non è la fine di tutto.
  • Il tuo cuore di Madre vive di questa certezza che non si può spiegare, ma che dà forza per credere. Donami, Maria, la certezza del tuo credere, che proprio da questo sepolcro che racchiude il tuo amore, uscirà la luce.
  • Ora che Gesù è stato sepolto, anche le tenebre vengono inondate di luce. Fa’, o Maria, che il mio cuore, come il tuo, sia sempre illuminato da questa luce che è già l’alba di un nuovo giorno: quello del tuo e nostro Signore.

Ritornello cantato:  Di te si dicono…

Intenzione di preghiera: Chiediamo al Signore, per intercessione di Maria, donna del dolore e della speranza, di infondere anche in noi quella fede eroica che infuse col suo Spirito nella Madre sua.

Leggi tutto...

Novena a MARIA SS.ma ADDOLORATA - 8° giorno

8° GIORNO: Nello “Stabat” della Madre Addolorata, il nostro stabat.

Riflessione
“Gesù allora, vedendo la Madre e accanto a lei il discepolo che egli amava, disse alla Madre: <Donna, ecco tuo figlio>”.

Sotto la croce del Figlio, si realizza per Maria la profezia del vecchio Simeone. E la sua anima viene trapassata fino in fondo dal dolore. Il senso del soffrire di Maria è la generazione di un popolo di credenti, generazione che avviene a partire dalla Croce. Da qui il suo STABAT! Ne nasce un popolo, “una moltitudine immensa… di ogni nazione, razza, popolo e lingua”. Il discepolo prediletto che le viene affidato ai piedi della Croce è il simbolo di questa moltitudine.

Preghiamo insieme
Santa Maria, Madre del Signore, sei rimasta fedele quando i discepoli sono fuggiti. Come hai creduto quando all’annuncio dell’Angelo, così hai creduto nell’ora della sua più grande umiliazione. E così, nell’ora della croce, nell’ora della notte più buia del mondo, sei diventata Madre dei credenti, Madre della Chiesa. Ti preghiamo: insegnaci a credere e aiutaci affinché la fede diventi coraggio di servire e gesto di un amore che soccorre e sa condividere la sofferenza.

Ritornello cantato:  O Maria che stai presso la croce…

Intenzione di preghiera: Preghiamo il Signore Gesù affinché, per i dolori della sua Madre Addolorata, compartecipe della sua Passione, alleggerisca le pene di tutte le vittime dei soprusi, conforti il pianto nascosto di tante donne, ispiri la protesta di tante madri lacerate negli affetti dai sistemi di forza e dalle ideologie di potere, guidi i passi delle madri coraggio perché scuotano l’omertà di tanti complici silenzi.

Leggi tutto...

Atto riparativo

“O Dio, Tu mi hai ammaestrato fin dalla mia fanciullezza, e fino ad oggi io ho annunziato le tue meraviglie. E anche ora che son diventato vecchio e canuto, o Dio, non abbandonarmi fino a che abbia raccontato la tua Potenza a questa generazione e i tuoi prodigi a tutti quelli che verranno”. ( Sal 71. 17-18)

Anziani o anziane, vecchi o vecchie, nonni o nonne, sono tanti i modi per definire ed indicare sensazioni, pensieri ed emozioni  sperimentati nell’ultimo tratto del viaggio della nostra vita. Come vediamo gli anziani? Come stare vicino a loro? È un periodo della vita da cui nessuno può scappare. Nel senso che poco a poco tutti arriveremo a questo periodo. Mentre siamo ancora forti, dobbiamo essere per gli anziani come le loro due mani e i loro  due piedi in modo che loro si sentano ancora forti  per continuare il cammino  e  l’esperienza della vita,  e poter così continuare a sorridere. Stare vicino a loro, come Gesù lo è sempre accanto a noi.

Vogliamo riparare
La nostra mancanza nel guardare gli anziani con gli stessi  occhi di Dio. Saper cogliere le loro necessità per poterli accompagnare e non farli sentire soli.

Impegno di vita
Questa settimana mi impegno ad essere disponibile per ascoltare quello che gli anziani vogliono raccontare, parlare. E porgere attenzione a tutto  quello che loro vogliono mostrare.

Preghiamo:
O Dio Eterno, che nel passare degli anni  Tu rimani sempre lo stesso, sii vicino a coloro che sono anziani. Sebbene il loro corpo si indebolisce, fa’ che il loro spirito sia forte, perché con pazienza possano sopportare il peso delle stanchezze, delle noie. Insegnaci a dare loro conforto e gioia  anche con momenti ricreativi e di festa.  Amen.

Leggi tutto...

Novena a MARIA SS.ma ADDOLORATA - 7° giorno

7° GIORNO: Maria Addolorata condivide la compassione del Figlio per i peccatori.

Riflessione
"Padre, perdonali, perché non sanno quello che fanno".
Quanti uomini, anche cristiani, sembrano sfidare Dio con domande che, sebbene giustificate dalla presenza di tanta sofferenza nel mondo, tuttavia possono e devono trovare le risposte nella fede: la fede forte di Maria che, anche nei momenti più crudeli suscitati dall'opposizione degli uomini, fu animata dallo stesso amore di compassione che animò suo Figlio dinanzi ai suoi uccisori.

Preghiamo (a cori alterni)

  • Maria, sono i nostri peccati ad aver crocifisso il tuo Gesù, siamo noi i responsabili della tua sofferenza e del tuo martirio. Siamo noi che il peccato ha reso orfani, che abbiamo bisogno di una Madre.
  • Maria, Madre di noi peccatori, non ci abbandonare sulla via dolorosa. Tu sei lì per Lui, ma anche per confortare il nostro dolore, quando incontreremo la croce e saremo tentati di sfuggire alle spine e al Calvario e un senso di ribellione e di rabbia invaderà il nostro cuore.

Ritornello cantato: Di te si dicono...

Intenzione di preghiera: Gesù non vuole essere solo neanche nel momento della sofferenza. Egli vuole aver bisogno anche di quella di Maria, sua Madre, e, con nostro stupore, anche della nostra. Chiediamo al Signore, per Maria, un sincero dolore per i nostri peccati, per alleviare il dolore della Madre e quello del Figlio.

Leggi tutto...

Novena a MARIA SS.ma ADDOLORATA - 6° giorno

6° GIORNO: Partecipazione al dolore della Madre Addolorata dinanzi all’ingiusta condanna del Figlio: il coraggio della verità.

Riflessione

“Pilato allora decise che la loro richiesta fosse eseguita. Rilasciò colui che era stato messo in carcere per sommossa e omicidio e che essi richiedevano, e abbandonò Gesù alla loro volontà”.
La condanna sbrigativa di Gesù raccoglie così le facili accuse, i giudizi superficiali tra la gente, le insinuazioni e i preconcetti che chiudono il cuore e si fanno cultura razzista, di esclusione e di “scarto”. E noi, sapremo avere una coscienza retta e responsabile, trasparente, che non volga mai le spalle all’innocente, ma si schieri, con coraggio, in difesa dei deboli, resistendo all’ingiustizia e difendendo ovunque la verità violata?

Preghiamo (a cori alterni)

  • Aiutaci, o Maria, a liberarci da ogni atteggiamento di superficialità, di orgoglio e di ambizione, che ci spinge sempre a creare un crocifisso, sul quale scaricare il nostro peccato e a trafiggere anche il tuo cuore di Madre.
  • Aiutaci, o Maria, a non barattare il tuo Gesù per gli spiccioli che il mondo ci offre per togliere di mezzo la verità.
  • Aiutaci, o Maria, ad essere, nella nostra croce, come il crocifisso tuo Figlio,  crocifiggendo le nostre passioni, fino a diventare sua immagine per essere degni di sentirci dire: “Ecco tua madre”.

Ritornello cantato:  O Maria che stai presso la croce…

Intenzione di preghiera: Signore Gesù, ci sono mani che sostengono e ci sono mani che firmano ingiuste condanne. Fa’ che, sostenuti dalla tua grazia, non scartiamo nessuno. Difendici dalle calunnie e dalla menzogna. Aiutaci a cercare sempre la verità, a stare dalla parte dei deboli, capaci di accompagnare il loro cammino. E dona la tua luce a chi deve, per missione, giudicare in tribunale, perché emetta sempre sentenze giuste e vere.

Leggi tutto...

Novena a MARIA SS.ma ADDOLORATA - 5° giorno

5° GIORNO: Invitati anche noi, con Maria e come Maria, ad entrare a pieno titolo nella famiglia di Dio.

Riflessione
“… perché chiunque fa la volontà del Padre mio che è nei cieli, questi è per me fratello, sorella e madre”.

La logica di Gesù è una sola ed essa vale per tutti, nessuno escluso, compresa la Madre sua. In Gesù, prima di tutto viene la volontà di Dio. Nella volontà di Dio egli stabilisce ogni rapporto con le persone. Ma chi fa la volontà di Dio? Chi permette a Gesù di poter compiere solo e sempre la volontà del Padre suo. Chi dovesse ostacolarlo, non lo ama, perché non fa la volontà di Dio. 

Preghiamo insieme

Vergine Maria, Regina dei Santi, e modello di santità!
Tu oggi esulti con l’immensa schiera di coloro che hanno lavato
le vesti nel “sangue dell’Agnello” (Ap 7, 14). 

Tu sei la prima dei salvati, la tutta Santa, l’Immacolata!
Mettici nel cuore il desiderio e il proposito della perfezione.
Suscita nella Chiesa, a beneficio degli uomini d’oggi,
una grande primavera di santità!  (S. Giovanni Paolo II) 

Ritornello cantato:  Di te si dicono…

Intenzione di preghiera: Preghiamo perché impariamo da Maria come si fa, non come si dice, la volontà di Dio, per piacergli in tutto ed essere veri discepoli di Gesù, che ha fatto della volontà del Padre suo il “cibo” della sua vita.

Leggi tutto...

Novena a MARIA SS.ma ADDOLORATA - 4° giorno

4° GIORNO: Maria a servizio dell’opera del Figlio.

Riflessione

“ Al vederlo restarono stupiti e sua madre gli disse: «Figlio, perché ci hai fatto così? Ecco, tuo padre e io, angosciati, ti cercavamo”.

L’episodio dello smarrimento di Gesù ribadisce il primato assoluto di Dio, anche nei confronti  delle persone e degli affetti più cari. Nemmeno a sua Madre il Signore ha risparmiato il dolore e il tormento di non capire, poiché è sempre penoso per una madre non comprendere il proprio figliolo. Maria, però, è colei che si è sempre fidata di  Dio ad occhi chiusi, senza neppure la pretesa di avere spiegazioni: le ragioni della fede l’hanno sorretta; anzi, questa prova è stata per lei un dono, una necessaria preparazione alle sofferenze più grandi che avrebbero contrassegnato tutta la sua esistenza di “madre dei dolori”.

Preghiamo insieme
Avvicinaci a tuo Figlio, o Maria!
Siamo uniti nella preghiera con te, Madre di Cristo,
con te che hai partecipato alle sue sofferenze.
Tu ci conduci al Cuore del tuo Figlio agonizzante sulla croce:
quando nella sua spogliamento si rivela fino in fondo come Amore.
Tu, che hai partecipato alle sue sofferenze,
permettici di perseverare sempre nell’abbraccio di questo mistero.
Madre del Redentore, avvicinaci al Cuore del tuo Figlio!

Ritornello cantato:  O Maria che stai presso la croce…

Intenzione di preghiera: Preghiamo per noi e per tutti i consacrati, perché dinanzi alle “esigenze dell’Amore”, che ci chiama a seguirlo per vie impervie, talora impensate, ma pur sempre “divine”, non abbiamo a smarrire il senso del nostro andare e, come Maria e con Maria, proseguiamo sicuri nella via che conduce alla vita.

Leggi tutto...

Congo

Congo. Anche a Fumu Putu e a Lumbi siamo state accolte con festa... In questi due luoghi le nostre Sorelle si dedicano all'educazione scolastica, dalla Scuola dell'Infanzia all'Università, e alla direzione e gestione dell'ospedale Txingudi, che cura migliaia di persone. Qui si coltiva la vita e si costruisce il futuro...

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS
Congregazione Passioniste Display Social Media Icons beautifully using CSS3
Congregazione Suore Passioniste
di San Paolo della Croce

Curia Generalizia
Via Don Carlo Gnocchi, 75
00166 ROMA

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Per saperne di più.

Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.