Suore Passioniste
Menu
Con Maria credo nel Figlio di Dio

Con Maria credo nel Figlio di Dio

Il giorno 6 agosto 2...

Festa di Maria Addolorata

Festa di Maria Addolorata

La festa di Maria Ad...

ESALTAZIONE DELLA SANTA CROCE

ESALTAZIONE DELLA SANTA CROCE

L'albero della Croce...

Scuola Beata Giovanna

Scuola Beata Giovanna

La comunità educativ...

Atto riparativo

Atto riparativo

Amare i nemici Nel ...

Messaggio di solidarietà alle Suore Missionarie Saveriane

Messaggio di solidarietà alle Suore…

Pubblichiamo il mess...

Cisternino @ 100 anni…

Cisternino @ 100 anni…

Cisternino, 100 anni...

Novena di Maria Addolorata

Novena di Maria Addolorata

A te, piccola e umil...

Formazione delle Superiore a Casa Madre

Formazione delle Superiore a Casa M…

La formazione delle ...

Novena di Maria Addolorata

Novena di Maria Addolorata

Maria, Madre di Cris...

Prev Next
A+ A A-
Congregazione Passioniste

Congregazione Passioniste

URL del sito web:

Sabato Santo

Oggi tutta la Chiesa si raccoglie nel silenzio di Maria, la Madre Addolorata che sola continua a credere nel suo Figlio e suo Dio. Come Passioniste, anche oggi accogliamo l'invito ad andare sul calvario di Cristo e sui calvarii del mondo per consolare Maria che piange il Figlio e accoglie noi, figli perduti e ritrovati... 
Buon sabato santo a tutti.

Giovedì Santo

Giovedì Santo, Casa Generalizia. Dopo la celebrazione della Cena del Signore, Gesù Eucarestia è all'altare della Riposizione. Le nostre Comunità prolungheranno l'Adorazione per tutta la notte. Ricorderemo tutti: le Sorelle, i laici della CLP, i sacerdoti e i Padri Passionisti, i fratelli e sorelle della Famiglia Passionista, tutti coloro che hanno in qualche modo contatto con la Congregazione, e tutte le persone che si affidano alla nostra preghiera. Unitevi a noi...

Atto riparativo

Si può sbagliare anche nel modo di seguire Gesù. “Figlie di Gerusalemme, non piangete su di me, ma piangete su voi stesse e sui vostri figli” (Lc 23,29). Sulla via del dolore Lucca mette in guardia dai modi sbagliati di accostarsi alla Passione di Gesù. Non servono le lacrime di compassione per il Crocifisso senza quelle di pentimento per i propri peccati.
Dinanzi alla Passione di Gesù non basta commuoversi. Bisogna cambiar vita, cioè eliminare le cause della Passione in noi stessi e nel mondo. Non basta avere compassione di chi soffre, ma bisogna capire che quando la sofferenza è ingiusta occorre adoperarsi per evitarla.

Riparare:
Vogliamo riparare tutte le volte che piango la passione di Cristo ieri e oggi, ma non sono capace di piangere i miei peccati, i miei atteggiamenti aggressivi e i miei limiti.

Impegno di vita:
Sono capace di accettare la mia passione? Sono capace di condividere ed alleviare le croci degli altri? Così potrò percepire se il mio rapporto con la Passione di Cristo è corretto e mi fa crescere.

Preghiera: 
O Gesù, fa che io impari a piangere su di me e sui miei peccati, e mi impegni a superarli, come frutto della meditazione della tua Passione.

Giovedì Santo

Giovedì Santo, giornata dell'Eucarestia, del Sacerdozio, giornata dell'amore e del tradimento, giornata del servizio e del perdono, giornata della misericordia... Per tutte e per tutti ci sarà una preghiera e un ricordo nell'Adorazione di questa notte.
Dio è misericordia infinita.

La Passione di Gesù e il dolore di Maria siano sempre nel nostro cuore.

La Passione di Gesù e il dolore di Maria siano sempre nel nostro cuore.
A tutte le Sorelle, ai Confratelli Passionisti, ai fratelli e sorelle dell'Istituto Secolare Passionista, ai laici della CLP, alle nostre famiglie e a tutti coloro che in qualche modo hanno contatto con la Congregazione, un particolare ricordo nella preghiera in questa Settimana Santa che iniziamo accompagnando Gesù nel suo ingresso a Gerusalemme. La contemplazione del dolore di Cristo ci aiuti a convertire ed umanizzare i nostri cuori per poterlo riconoscere presente in questa umanità sofferente che cammina nel mondo in cerca di Dio e di senso, di giustizia, di solidarietà, di amore e di salvezza.

Atto riparativo

Oggi e in questa settimana vogliamo riparare la nostra mancanza di fiducia, di donazione e di condivisione della nostra vita con Gesù.
 
Nell’ambiente di lavoro, nella scuola, nella famiglia, nei momenti di incontro con gli amici… quanti pensieri di angoscia e atteggiamenti offensivi assumiamo nel quotidiano, atteggiamenti che ci allontanano della convivenza fraterna che Gesù ci ha insegnato e che ci chiede di vivere.
Avremo sempre problemi e preoccupazioni che certamente ci portano sofferenze, ma l’errore che compiamo è quello di cercare aiuto in tante altre cose e luoghi che ci disperdono, e non nella persona di Gesù Cristo. Solo lui ci offre il cammino sicuro da percorrere, la verità da proclamare e la vita da vivere e valorizzare.
 
Impegno di vita:
Vogliamo riparare tutti i momenti in cui fuggiamo dalla presenza di Gesù e non condividiamo con lui le nostre fragilità, i dubbi, le angosce e le paure.
 
Preghiamo:
Tu che abiti al riparo dell'Altissimo e dimori all'ombra dell'Onnipotente, dì al Signore: "Mio rifugio e mia fortezza, mio Dio, in cui confido". (Sl 91,1-2)

Giornata di ritiro

Roma, Curia Generale. Oggi, giornata di ritiro per la nostra Comunità, abbiamo avuto la grazia di riflettere sull'amore fedele e donato fino alla fine della vita. Ha condiviso la giornata con noi P. Jaroslaw Wysoczansk, che nel 1991, quando i due giovani francescani P. Michele e P. Zbigniew furono uccisi dai terroristi di "sendero luminoso", era il giovane superiore della piccola comunità che si era insediata ella selva peruviana. La sua testimonianza, semplice e profonda, ha toccato il cuore di tutte. Nella foto, il P. Jaroslaw è il primo a sinistra di chi guarda, e accanto a lui, i due giovani confratelli martiri, ora beati; all'epoca avevano rispettivamente 25, 27 e 28 anni.

Atto riparativo

“Io sono il Signore, tuo Dio” (Es 20,2a)

Le società di oggi, soprattutto quelle Occidentali, stanno convergendo verso un’unica filosofia secondo la quale fare ciò che si vuole non solo è giusto e lecito, ma è anche la massima espressione della libertà. Si assiste, allora, ai più variegati tentativi di eliminare ogni principio etico e di adottare un unico valore, quello dell’autodeterminazione. In virtù di ciò, l’essere umano sta pericolosamente eliminando Dio dalla propria vita facendosi dio di se stesso e giudice arbitrario del bene e del male, ottenendo come risultato la perdita della propria identità e la deriva verso un disorientante e disperante vuoto etico, religioso, sociale e culturale.

Con la preghiera, e dove possibile, con scelte educative coraggiose di promozione dei valori cristiani, vogliamo riparare:

  • La grande superbia delle società che alimentano e diffondono il falso valore dell’autodeterminazione;
  • Le scelte politiche che foraggiano questo pensiero e tutte le ideologie che da esso nascono;
  • La pusillanimità e il silenzio del mondo cristiano che non si schiera e non lotta per i valori evangelici.

Preghiamo: Signore, in questo tempo forte di Quaresima, tempo di conversione e di grazia, portiamo a Te la nostra preoccupazione per i tempi che stiamo vivendo. Perdonaci per il male che stiamo generando. Aiutaci a ritornare ad accogliere la verità su noi stessi, il fatto che non siamo creatori, ma tue creature e figli tuoi. Fa’ che ci riappropriamo della genuina la bellezza di sapere che siamo chiamati ad esercitare la libertà, di cui ci hai fatto dono, per dare pieno compimento alla nostra vita ed aiutaci a non essere mai dimentichi del fatto che non ci è chiesto di compiere questo difficile cammino da soli, ma di percorrerlo restando accanto a Te, che illumini per noi la via della Verità, del Bene, della Felicità e della Vita. Amen.

Sottoscrivi questo feed RSS
Congregazione Passioniste Display Social Media Icons beautifully using CSS3
Congregazione Suore Passioniste
di San Paolo della Croce

Curia Generalizia
Via Don Carlo Gnocchi, 75
00166 ROMA

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Per saperne di più.

Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.