Suore Passioniste
Menu
Con Maria credo nel Figlio di Dio

Con Maria credo nel Figlio di Dio

Il giorno 6 agosto 2...

Festa di Maria Addolorata

Festa di Maria Addolorata

La festa di Maria Ad...

ESALTAZIONE DELLA SANTA CROCE

ESALTAZIONE DELLA SANTA CROCE

L'albero della Croce...

Scuola Beata Giovanna

Scuola Beata Giovanna

La comunità educativ...

Atto riparativo

Atto riparativo

Amare i nemici Nel ...

Messaggio di solidarietà alle Suore Missionarie Saveriane

Messaggio di solidarietà alle Suore…

Pubblichiamo il mess...

Cisternino @ 100 anni…

Cisternino @ 100 anni…

Cisternino, 100 anni...

Novena di Maria Addolorata

Novena di Maria Addolorata

A te, piccola e umil...

Formazione delle Superiore a Casa Madre

Formazione delle Superiore a Casa M…

La formazione delle ...

Novena di Maria Addolorata

Novena di Maria Addolorata

Maria, Madre di Cris...

Prev Next
A+ A A-
Congregazione Passioniste

Congregazione Passioniste

URL del sito web:

16 maggio - Santa Gemma Galgani

Il 16 maggio la Famiglia Passionista celebra la memoria di Santa Gemma Galgani.
"Nata il 1878 presso Lucca in Toscana, fin da bambina si applicò a meditare la Passione di Gesù Cristo, conducendo una vita di illibati costumi e anelando ardentemente al cielo. Rimasta orfana e accolta caritativamente in casa della famiglia Giannini, di elevati sentimenti cristiani, si consacrò a Dio con voto di verginità e attese instancabilmente a percorrere la via della perfezione. Fu accesa di singolare devozione verso l'Eucaristia e verso Gesù Crocifisso, e, favorita di speciali carismi soprannaturali, offrì se stessa a Dio per la conversione dei peccatori. Desiderò ardentemente di entrare nel monastero delle religiose passioniste, non vi riuscì per varie difficoltà. Si distinse come straordinario esemplare di santità in mezzo al mondo. Morì a Lucca il Sabato Santo, 11 aprile 1903."
(dalla liturgia propria)

Preghiera a S. Gemma
"O Padre, che ti compiaci di stabilire la tua dimora in chi ti ama con cuore semplice e puro,
fa' che sull' esempio e per l' intercessione di S. Gemma viviamo, con purezza evangelica,
il mistero dell'amore crocifisso, per essere immagine viva del tuo Figlio.
Egli è Dio e vive e regna conte, nell'unità dello Spirito Santo per tutti i secoli dei secoli.
Amen."

(San Giovanni Paolo II)

Esercizi Spirituali a Casa Madre - Signa

Abbiate in voi gli stessi sentimenti che furono in Cristo Gesù (Fil 2,5).
Motivate dal tema scelto per la Visita Canonica della Madre, un gruppo di suore ha iniziato oggi a Casa Madre, gli esercizi Spirituali predicati da P. Cosimo Chianura, CP.
Sosteniamo con la preghiera queste sorelle perché contemplando il Crocifisso e vicine ai resti mortali della Fondatrice, possano fare una forte esperienza di Dio e una volta "scese dal monte", possano portarlo a quanti incontreranno nelle attività.

Atto riparativo

Nel suo canto Maria proclama: il mio spirito esulta di gioia in Dio, mio Salvatore (Lc 1,47)

Siamo nel mese dedicato a Maria, la grande discepola del Crocifisso, la madre che ha provato gioie e dolori restando fedele presso la croce. Osservando il mondo, i cristiani, anche le persone consacrate a servizio del Regno, constatiamo una debole manifestazione di gioia e di testimonianza di persone risorte con Cristo.
Quando la delusione ci colpisce, sembra che tutto è finito. In questi momenti ci vuole una buona scorta di speranza, di entusiasmo e di fremito di fronte alla vita e alla missione.
Il pessimismo, lo scoraggiamento impedisce il fluire leggero, piacevole e proficuo nel rapporto con gli altri, indebolendo anche la realizzazione dei nostri doni e la dimensione missionaria della nostra vita.

Oggi vogliamo riparare:
La mancanza di testimonianza di gioia, di speranza e di giubilo, di fronte al mondo che cerca di incontrare in noi e attraverso noi, persone felici, testimoni di fede, di speranza, segni scatologici, annunciatori dell'amore misericordioso di Dio Padre.

Impegno di vita:

  • Decidersi e impegnarsi a vivere il proprio servizio con fede ed entusiasmo, attingendo la vera gioia nella sorgente che è Dio, perché trabocchi dal cuore, generando vita per la comunità, per la missione.
  • Vivere il processo di conversione concretizzandolo in scelte evangeliche significative a livello personale e comunitario.

Preghiera:
Perdonaci, Signore, quando non viviamo integralmente la nostra vocazione cristiana. Cammina con noi in questo percorso di crescita e di comunione. Amen.

Venerabile Sr Antonietta Farani

Oggi facciamo memoria di Sr Antonietta Farani nel 51° anniversario della sua morte.

Nella sua giovinezza, Sr Antonietta fu toccata da Dio: ha perdonato. Nella vita religiosa, ha imitato il Divino Sposo, spargendo perdono. Sul punto di donare la sua vita per entrare nella vera vita, lei voleva trasformarsi, se possibile tutta in Cristo. Suo desiderio era contagiare tutti con il perdono di Gesù perché tutti potessero godere del suo incontro di vita.

Sul suo esempio, ognuno di noi si senta interpellato a diventare segno di una gratuità di amore che diventa servizio ed aiuto alla salvaguardia della vita che Gesù è venuto a donare.

Atto riparativo - per la mancanza di ascolto

Benedetta tu fra le donne (Lc 1, 42). A che debbo che la madre del mio Signore venga a me? (Lc 1, 43)

Maria, nostra madre, maestra e guida ci invita a intraprendere un cammino di ascolto, di incontri, di condivisione della fede e della vita, come ha fatto lei, visitando Isabel nel momento in cui aveva bisogno della sua presenza, del suo appoggio e solidarietà.
Osservando la nostra vita personale, il nostro modo di agire e di relazionarci con gli altri, notiamo che il senso dell'ascolto dell'altro, della famiglia, di coloro che collaborano con noi, di quelli che noi serviamo, è debole. Quante persone acanto a noi chiedono di essere ascoltate e gridano chiedendo attenzione e aiuto, ma poiché siamo immerse nel nostro lavoro, nelle responsabilità... non rispondiamo ai loro appelli.

Vogliamo riparare:
• la mancanza di ascolto della realtà che ci circonda
• la superficialità nell'ascolto della Parola di Dio
• il non ascolto di noi stessi e degli appelli che vengono dall'umanità

Impegno di vita:
Impegnarci a donare il nostro tempo accogliendo, ascoltando e solidarizzandoci con le persone nelle loro necessità, andando incontro a loro per portare Gesù che è vivo dentro di noi e annunciare loro la sua Parola.

Comunità Laicale Passionista Regina Pacis - Monopoli

Continua a crescere la CLP Regina Pacis, con l'adesione di 7 nuovi membri. Nel mese di febbraio, dopo un periodo di preparazione, 7 signore hanno celebrato l'adesione al gruppo, nella Parrocchia Regina Pacis. Momento di gioia per la Comunità Laicale di Monopoli, accompagnata dalla Responsabile sig. Francesca Marzolla e dal Parroco don Salvatore Montarullo. Auguriamo a tutte di proseguire con perseveranza e gioia l'annunzio dell'amore misericordioso del nostro Dio!"

Atto riparativo - per i bambini abbandonati

ll grande rischio del mondo attuale, con la sua molteplice ed opprimente offerta di consumo, è una tristezza individualista che scaturisce dal cuore comodo e avaro, dalla ricerca malata di piaceri superficiali, dalla coscienza isolata. Quando la vita interiore si chiude nei propri interessi non vi è più spazio per gli altri, non entrano più i poveri, non si ascolta più la voce di Dio, non si gode più della dolce gioia del suo amore, non palpita l'entusiasmo di fare il bene. (Evangelii Gaudium, 2)

In questo clima di Risurrezione, uniti ai meriti della Passione di Gesù Cristo e della Madre Addolorata, facciamo il nostro atto di riparazione di questa settimana in unità con la dura realtà del mondo che è diventato un campo di croci e di crocifissi. Chi li crocifigge? Tutti e nessuno! La sfilata tragica dei crocifissi di oggi già inizia negli esseri umani indifesi che sono cacciati della vita prima di nascere. Ci sono croci imposte a bambini, forzati a costruire la vita con l'amarezza della rivolta, perché arrivano al mondo rifiutati. Altri sono sbattuti da una parte all'altra, e soffrono l'orfanità di genitori vivi. In un mondo che esalta il progresso, ancora troppi sono i bambini crocifissi dalla fame, dall'assenza di opportunità di istruzione e cura della salute.
Concretamente durante questa settimana, impegniamoci a valorizzare di più il dono della vita, nostra e degli altri che ci sono vicini con gesti di gratitudine, tenerezza, solidarietà e compassione.

Cosa è la Visita Canonica

La visita canonica prende questo nome perché è predisposta dal Codice di Diritto Canonico che chiede alla Superiora Generale e alle Superiore Provinciali di realizzarla almeno una volta nel mandato. Al di là del fatto di essere un adempimento, è in realtà un evento che raggiunge ogni Sorella ed ogni comunità della Congregazione. E' un momento di grazia che si svolge sempre in un contesto di incontro personale e comunitario in un clima fraterno, caratterizzato da amicizia, ascolto reciproco, spirito di fede, preghiera. È sempre un momento favorevole, un kairos, in cui si verifica il cammino personale e quello della comunità, ci si domanda di fronte alla Parola cosa Dio vuole da noi, cosa ci chiedono la Chiesa e la storia, soprattutto i fratelli e le sorelle che soffrono... Il tema della visita canonica di questo mandato è di taglio passiologico: Abbiate in voi gli stessi sentimenti che furono in Cristo Gesù... A partire dalla contemplazione di Cristo Servo obbediente fino alla croce, ci sentiamo interpellate a costruire comunità fraterne dove il punto di unione non sono i nostri compromessi, ma la Sua presenza misericordiosa, il Vangelo e il mandato missionario. Pregate per noi!

Sottoscrivi questo feed RSS
Congregazione Passioniste Display Social Media Icons beautifully using CSS3
Congregazione Suore Passioniste
di San Paolo della Croce

Curia Generalizia
Via Don Carlo Gnocchi, 75
00166 ROMA

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Per saperne di più.

Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.