Atto riparativo

Vocazione alla vita familiare 

Non è possibile una famiglia senza sogno. Quando in una famiglia si perde la capacità di sognare, i bambini non crescono, l’amore non cresce, la vita si affievolisce e si spegne. La Chiesa è sempre attenta all’importanza della famiglia attraverso l’impegno, la fedeltà, la pazienza, la misericordia e la vicinanza alla vita familiare. L’uomo e la donna sono chiamati a vivere la comunione dell’amore come l’immagine di Dio-Trinità impressa nell’essere umano sin dalla sua creazione, perché ad immagine e somiglianza di Dio sono stati creati. Il matrimonio, sin dalla creazione dell’uomo e della donna, è un progetto divino, l’opera preferita in questo progetto d’amore; è costitutivamente legato all’essenza dell’uomo e della donna, al bene personale e alla comunità. 

I genitori devono assumere un impegno reciproco e complementare in una pedagogia che combini la fermezza e la disciplina dell’uomo con la tenerezza e la gentilezza della donna.

Vogliamo riparare 
La mancanza di impegno di tante coppie che non danno importanza alla loro vocazione e alla responsabilità di formare una famiglia.

Impegno di vita
Vogliamo essere sostegno, soprattutto con la preghiera e l’ascolto, della famiglia in generale e, in particolare, di quelle famiglie più ferite e bisognose di misericordia.

Preghiera 
Gesù, Maria e Giuseppe, in voi contempliamo lo splendore dell’amore vero, a voi con fiducia ci rivolgiamo. Santa Famiglia di Nazareth, rendi anche le nostre famiglie luoghi di comunione e cenacoli di preghiera, autentiche scuole del Vangelo e piccole Chiese domestiche. Santa Famiglia di Nazareth, mai più nelle famiglie si faccia esperienza di violenza, chiusura e divisione: chiunque è stato ferito o scandalizzato, conosca presto consolazione e guarigione. Gesù, Maria e Giuseppe, ascoltate, esaudite la nostra supplica. Amen. (Papa Francesco)

RECENTI