ATTO RIPARATIVO

ATTO DI RIPARAZIONE
5 luglio 2024
Provincia Vergine Addolorata

Mentre Gesù sedeva a mensa in casa, sopraggiunsero molti pubblicani e peccatori e si misero a tavola con lui e con i discepoli. Vedendo ciò, i farisei dicevano ai suoi discepoli: «Perché il vostro maestro mangia insieme ai pubblicani e ai peccatori?». Gesù li udì e disse: «Non sono i sani che hanno bisogno del medico, ma i malati. Andate dunque e imparate che cosa significhi: Misericordia io voglio e non sacrificio. Infatti non sono venuto a chiamare i giusti, ma i peccatori». (Mt 9, 10-13)

Unite alla missione riparatrice di Gesù, vogliamo riparare:
• l’incapacità, a volte, di rendere visibile la salvezza con gesti e parole di misericordia
• l’insensibilità nel gioire di ogni piccolo indizio di conversione
• l’aver dato voce e spazio al “fariseo” che è dentro di noi.

Impegno di vita
Oggi e in questa settimana coltiverò in me ed attorno a me atteggiamenti di accoglienza e di misericordia nei confronti degli emarginati e degli esclusi, a partire da quelli che mi vivono acconto nella quotidianità.

Preghiamo
Signore Gesù, condividendo la mensa con i peccatori riveli come Dio non esclude nessuno dalla sua misericordia. Il tuo Spirito Santo ci doni la grazia di comprendere che la reazione dei farisei dell’esclusione comincia dentro di noi, quando rifiutiamo e proiettiamo i nostri limiti sull’altro.

“Amate e rispettate la carità come l’ha amata Gesù Cristo”
(Ven. Maria Maddalena Frescobaldi)

RECENTI