XIX Capitolo Generale 11° giorno

Oggi abbiamo ascoltato il contributo di Padre Giuseppe Adobatti, cp, Superiore Provinciale, riguardante la sfida dell’annuncio tema che lui ha trattato sia dal punto di vista storico-biblico sia nella storia di San Paolo della Croce.
Rivisitare la figura del Padre è sempre un’esperienza che raggiunge l’anima. Anche in questo caso P. Giuseppe ha seguito l’itinerario storico-mistico del Fondatore a partire dal Diario di Castellazzo. Nel pomeriggio abbiamo avuto la possibilità di una condivisione basandoci su un testo del Padre Max Anselmi: “La Memoria della Passione nella Vita Consacrata”. Riportiamo una nota conclusiva del testo: “Paolo della Croce pregò “con molte lacrime” il Signore e “con molte lacrime” pregò la Vergine Ss.ma perché intercedesse questa grandissima grazia (=umiltà). Aveva capito molto bene di pregare insistentemente e incessantemente per ottenere l’umiltà di Cristo, senza la quale si perde la grazia dello Spirito Santo, e con lo Spirito Santo si perde la stima del carisma del carismi dello Spirito Santo: la stima dell’elevatissima grazia della chiamata alla vita consacrata. Con l’umiltà di Cristo la contemplazione diventa una pentecoste permanente”.
Maria, maestra di umiltà, ci ottenga questa grazia.

RECENTI